Site Overlay

Finanza Agevolata

Per finanza agevolata si intende l’insieme degli investimenti a favore delle imprese, che agevolano lo sviluppo di progetti in termini di copertura del fabbisogno finanziario, in un’ottica di sviluppo territoriale e di miglioramento della competitività dell’intero sistema economico.  

La finanza agevolata si avvale di contributi a fondo perduto, in conto interesse, garanzia del credito, crediti d’imposta, sgravi fiscali e contributivi, interventi nel capitale di rischio. L’origine dei fondi può essere comunitaria, nazionale, regionale e camerale.

Gli enti pubblici forniscono risorse finanziarie per l’impresa, generalmente a condizioni più favorevoli rispetto al mercato, in quanto destinate a favorire o sviluppare determinati settori ritenuti prioritari, a controbilanciare gli squilibri esistenti a livello geografico o dimensionale, oppure ad incrementare l’occupazione.
I contributi pubblici sono destinati alle Micro, Piccole e Medie imprese, ma le agevolazioni sono disponibili anche per le startup innovative e gli aspiranti imprenditori: imprese femminili e giovanili sotto i 35 anni.

La finanza agevolata è parte integrante dell’economia aziendale, perché aiuta l’impresa a reperire risorse finanziarie a condizioni più vantaggiose. Un’azienda, infatti, può accedere a più bandi e anzi, pianificando per tempo, può ottenere più agevolazioni per ogni tipo d’investimento.

Le spese che possono essere oggetto di agevolazione sono le spese ammissibili: a titolo di esempio macchinari o strumentazione, consulenze, marketing, ristrutturazioni edilizie, e i fondi possono essere erogati in regime De Minimis, cioè aiuti di piccola entità che non incidono sulla concorrenza tra imprese all’interno dell’Unione.

Per accedere a questi fondi l’azienda può farsi affiancare da professionisti che, monitorando costantemente l’emissione dei bandi, offrono supporto nelle diverse fasi: dalla predisposizione di uno studio di fattibilità all’invio della domanda nei tempi stabiliti, oltre al mantenimento dei rapporti con le istituzioni e gli intermediari finanziari, anche in caso di integrazioni, proroghe ed imprevisti che possono verificarsi.

Tutte le fasi sono importanti, dall’iniziale valutazione della potenzialità e qualità del progetto alla stesura di un business plan, dalla redazione di un budget preventivo alle relazioni intermedie per l’avanzamento di progetto, e infine la rendicontazione, l’elaborazione dello stato di avanzamento finanziario ed eventuali controlli successivi con possibili richieste di integrazioni. Un iter impegnativo che può essere svolto con maggiore serenità se supportato da un team professionale.